pratika

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Apprendimento formale, non formale, informale

di Federico Batini

"Oggi più che mai si evidenzia la necessità di riformulare le politiche pubbliche ed i processi di sviluppo vincolandoli ai veri propositi educativi, di modo che ogni giorno siano sempre più connessi alla generazione di nuove opportunità e diritti per tutte le persone e con il pieno godimento dei frutti e della condizione di esseri umani."

(Vernor Munoz Villalobos, Relatore speciale sul Diritto all'Educazione dell'ONU, in: F. Batini, a cura di, 2006, Apprendere è un diritto, Ets, Pisa)

Oggi ovunque si parla di lifelong learning, questa espressione si riferisce alla dimensione verticale, fa riferimento al fatto che l'apprendimento oggi riguarda l'intera durata della vita. Questa convinzione deriva anche dalla comprensione della dimensione apprenditiva insita in ogni azione umana. Il concetto di lifelong learning rappresenta il superamento di una dimensione temporale definita (il tempo dell'istruzione iniziale) che una volta rappresentava, nell'esistenza di un soggetto, spesso l'unica porzione di vita dedicata all'apprendimento.

Per essere più completi occorre parlare anche di lifewide learning, espressione che si riferisce alla dimensione orizzontale, che fa riferimento a tutti gli ambiti della vita e rappresenta il superamento dei luoghi deputati all'apprendimento (tradizionalmente scuola e università) e la valorizzazione di ogni esperienza del soggetto.

L'espressione completa diventa allora lifelong lifewide learning con cui tempi e spazi dell'apprendimento si allargano sino a comprendere ogni ambito di vita ed ogni tempo del soggetto.

In una concezione dell'apprendimento di questo tipo diventa fondamentale riuscire a far comprendere alle persone, non ai professionisti del sapere, come ne è cambiata la concezione affinché possano riconoscere nei vari aspetti della propria vita le occasioni che lo favoriscono ed, attraverso la consapevolezza, ne possano approfittare.

Una parte fondamentale (seppur non sufficiente) di questo tentativo è una migliore denominazione dei vari tipi di apprendimento attraverso la quale sono ormai entrati nel linguaggio, diffondendosi anche fuori dagli addetti ai lavori, alcuni termini rappresentativi.

  • Apprendimento formale: si tratta di quell'apprendimento che avviene in un contesto organizzato e strutturato (in un'istituzione scolastica/formativa), è esplicitamente pensato e progettato come apprendimento e conduce ad una qualche forma di certificazione;
  • Apprendimento non formale: è l'apprendimento connesso ad attività pianificate ma non esplicitamente progettate come apprendimento (quello che non è erogato da una istituzione formativa e non sfocia normalmente in una certificazione, ad esempio una giornata di approfondimento su un problema lavorativo nella propria professione);
  • Apprendimento informale: le molteplici forme dell'apprendimento mediante l'esperienza risultante dalle attività della vita quotidiana legate al lavoro, alla famiglia, al tempo libero, non è organizzato o strutturato e non conduce alla certificazione (ad esempio un'appartenenza associativa).

I due volumi per l'acquisizione delle 16 competenze di base (strettamente collegati) sono:

Batini F., Cini S., Paolini A. (2012), Le sedici competenze di base, Lecce, Pensa Multimedia (volume per docenti, formatori, operatori con l'intero percorso, le attività, i materiali, i consigli e le indicazioni per gestire ogni ora di didattica).

Batini F. (a cura di, 2012), FLFL Fun Learning for life (volume/diario per allievi), Lecce, Pensa Multimedia (il volume da completare per allievi per seguire il percorso che i docenti, sulla base dell'altro volume possono proporre loro).

Tutti gli insegnanti o i formatori che adottano il primo volume per sé e i volumi rivolti agli allievi per i propri allievi hanno diritto agli aggiornamenti ed ai materiali integrativi nel sito di Pratika.

Per ordini e contatti: info@pratika.net info@theleme.it tel. 0575380468

Animazione

Nel ventennio 1984-2004 i paesi dell’Unione Europea sono stati profondamente interessati da riforme dei sistemi di istruzione, in particolare si assiste, assieme alle logiche, e sostanziali...
Leggi tutto  

Partecipazione

Nella nostra società stereotipi, pregiudizi e discriminazioni sono estremamente diffusi nei confronti delle persone omosessuali. Gli stereotipi (stereos  = rigido, tupos = impronta)...
Leggi tutto  

Formazione

Proponiamo, riproponiamo perchè in rete è presente ovunque, una storia utilizzatissima in aula e che qualunque formatore, educatore, caunselor, orientatore e insegnante ben conosce. La proponiamo perchè rappresenta appunto una delle basi di ogni sorta di relazione educativa.

Leggi tutto  

Orientamento

Il Vitamin model di Warr si lega agli studi sul significato motivazionale che legato alle caratteristiche del lavoro e al modello di Jahoda delle funzioni psicologiche latenti. Per questi il lavoro...

Leggi tutto  
You are here:
Mappa del sito - Contatti - FAQ - Privacy - Copyright - Feed Pratika