pratika

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Il Cantiere Narrativo sarà svolto ad Arezzo

Nuove mappe per il territorio - Strumenti di ricerca e di intervento in ambito interculturale. Il cantiere è pensato come un laboratorio sulle metodologie per la progettazione e l'attuazion e di ricerche e di interventi in ambito interculturale, applicabili nelle pratiche lavorative quotidiane.

Il laboratorio è rivolto a studenti e ad operatori della scuola, delle pubbliche amministrazioni e in generale dei settori culturale, sociale e sanitario che nutrono un interesse per le tematiche interculturali e intendono confrontarsi e approfondire le questioni metodologiche che riguardano la progettazione e la conduzione di ricerche e di interventi sul territorio.

Per quanto riguarda i temi, il cantiere tratterà alcuni aspetti teorici della metodologia, ma privilegerà i contenuti operativi della ricerca, dell'intervento e dell'analisi, ponendo attenzione agli ambiti applicativi quotidiani e valorizzando le esperienze dei partecipanti.

Per quanto riguarda le modalità di conduzione, esso comprenderà sia dei momenti di esposizione da parte dei conduttori, in particolare per quanto riguarda la presentazione di alcune metodologie di ricerca e di analisi del discorso, sia degli spazi per il lavoro in gruppo e il confronto tra i partecipanti. Le modalità di lavoro previste sono rivolte a valorizzare le differenti risorse portate dai partecipanti, in termini di saperi e di esperienze, e a favorire lo scambio, il confronto e la cooperazione all'interno del gruppo, allo scopo di ampliare i propri repertori di obiettivi e di strategie per la progettazione e l'attuazione della ricerca e dell'intervento in ambito interculturale.

Il cantiere si articolerà in quattro sessioni.

La prima sessione sarà dedicata alla presentazione del cantiere e dei partecipanti, considerando, in particolare, i saperi e le esperienze che essi ritengono di potere condividere con il gruppo; saranno inoltre ascoltate le aspettative dei partecipanti rispetto al cantiere.

La seconda sessione sarà rivolta alla progettazione di una ricerca-intervento in ambito interculturale. A partire dalla considerazione dei diversi ambiti, disciplinari, professionali ed operativi, nei quali e attraverso i quali può essere pensata una ricerca-intervento interculturale, sarà presentata una cornice per la progettazione di ricerche-intervento. La sessione si articolerà in lavori di gruppo finalizzati ad elaborare dei progetti di ricerca-intervento, a partire da materiale stimolo e da griglie di lavoro portati dal conduttore del cantiere. Il lavoro di progettazione sarà la base per formulare delle considerazioni sugli impliciti teorici dell'idea di intercultura e delle scelte metodologiche attuate nella definizione del progetto.

La terza sessione sarà rivolta ai metodi qualitativi di analisi del discorso e si articolerà nel lavoro di analisi, svolta in piccoli gruppi, del materiale discorsivo (testi, trascrizioni di interazioni, narrazioni) messo a disposizione dal conduttore del cantiere. Il lavoro dei gruppi sarà utile per considerare alcuni aspetti metodologici dell'analisi del discorso applicata alla ricerca interculturale.

La quarta sessione sarà dedicata alla valutazione dell'esperienza svolta all'interno del laboratorio, per quanto riguarda i contenuti trattati, le modalità di lavoro e gli aspetti relazionali. Si valuteranno anche le possibilità di applicazione delle metodologie trattate agli ambiti operativi quotidiani dei partecipanti.

Animatori del cantiere:
Animatore: Valentina Schiavinato. Laureata in Psicologia e dottore di ricerca in Psicologia Sociale e della Personalità presso l'Università di Padova, dove collabora da anni alle attività di ricerca del Laboratorio "Interaction and Culture" e del CIRSSI (Centro Interdipartimentale di Ricerca e Servizi per gli Studi Interculturali). I suoi ambiti di ricerca sono la comunicazione interculturale nei servizi pubblici, le pratiche interculturali nei contesti istituzionali e quotidiani e i processi di posizionamento identitario, con particolare interesse alle questioni metodologiche.

Supervisione: Prof. Giuseppe Mantovani. Professore ordinario di Psicologia Culturale e di Opinioni ed Atteggiamenti nella facoltà di Psicologia, direttore del Laboratorio "Interaction and Culture" del Dipartimento di Psicologia Generale e co-direttore del CIRSSI (Centro Interdipartimentale di Ricerca e Servizi per gli Studi Interculturali), dell'Università di Padova. I suoi temi di ricerca sono i metodi qualitativi nelle scienze sociali, l'analisi critica del discorso e la comunicazione interculturale.

Animazione

Malcom Knowles definisce una teoria andragogica come modello di processo in contrapposizione a quella per contenuti. Le principali distinzioni tra pedagogia e andragogia possono essere sintetizzati così...

Leggi tutto  

Partecipazione

"Vogliamo la partecipazione attiva dei ragazzi: maggiore consapevolezza e rispetto fra le persone di ogni età verso il diritto di ogni bambino di partecipare pienamente...

Leggi tutto  

Formazione

Questa teoria dell'apprendimento negli adulti prende nome da David Kolb. Si basa sulle tipologie elaborate da Jung e da Myers-Briggs ed individua quattro modalità e quindi quattro stadi...

Leggi tutto  

Orientamento

È opportuno però che io prec isi i term ini che uso in proposito. Seguendo i suggerimenti dei narratologi, intendo la /storia/ come l’oggetto di cui si racconta, ovvero il “contenuto” di un cer..
Leggi tutto  
You are here:
Mappa del sito - Contatti - FAQ - Privacy - Copyright - Feed Pratika